Mascherine della solidarietà

Happiness at Home by Mestizza

La solidarietà questa volta ci porta ad Ambato in Ecuador. È qui ch’è nato il proggetto “Happiness at Home” by Mestizza dalla mano della sua fondatrice Paola Molina. Un progetto locale che cerca di fornire mascherine alle comunità di dove sono i collaboratori artigiani della azienda. Le mascherine della solidarietà nascono in considerazione del fatto che sono un prodotto essenziale e che attualmente manca. In una intervista con la fondatrice di questo brand ne sapremo di più su questo progetto.

Ciao Paola, prima di tutto grazie per aver dedicato del tempo a rispondere a questa intervista e parlarci del tuo marcio e della iniziativa Happiness at Home le mascherine della solidarietà.

  1. Potresti parlarci un po ‘del tuo marchio Mestizza

Mestizza è nata come una risposta sociale alla crescita della cultura della moda in Ecuador. Mi sono resa conto che la donna ecuadoriana aveva bisogno di rafforzare la sua identità, così ho deciso di creare questo bellissimo marchio che dà più base alla nostra cultura e ci definisce per chi è veramente la donna ecuadoriana, latinoamericana, meticcia.

Il nome di MESTIZZA è dedicato a un’eroina ecuadoriana Ana de Peralta, che fu la prima donna nel paese a fare un movimento femminista e dichiararsi contraria al reale ID spagnolo del 1752; che proibiva di vestire i meticci come indigeno poiché era indecoroso e nemmeno si poteva vestire come le spagnole perché era visto come un abuso.

Siamo sul mercato da 3 anni ed è stato molto gratificante vedere la risposta che abbiamo avuto, tuttavia devo dire che non è stata una crescita rapida, ma piuttosto lenta ma sicuramente dove andiamo di pari passo con i clienti che si sentono identificati con il marchio.

  1. Dove viene prodotto Mestizza?

Come la nostra ispirazione Ana de Peralta, Mestizza ed nata ad Ambato

  1. Potresti parlarci un po ‘delle conseguenze che questa pandemia sta causando nel marchio?

Bene, devo dire che la prima cosa a cui abbiamo pensato è stata la sicurezza collettiva. Non esitiamo per un momento a rimanere in produzione. Si abbiamo deciso di chiudere le installazioni. Però c’è stata l’opportunità di organizzarci inviando lavoro a case dei nostri artigiani. Non hanno macchine da cucire industriali, così abbiamo deciso di lavorare nel prototipo e

Il lavoro continua all’interno e si fa quello che può. Nel trascorso del tempo agiremo secondo si presenta la situazione.

Come imprenditori, il design è un duro lavoro e siamo sempre soggetti a eventi imprevisti. Non è una novità nel mio lavoro dover girare, dobbiamo essere agilmente creativi in ogni modo e reinventarci.

  1. Come è nata l’idea delle mascherine della solidarietà? Dove abitano le artigiane che collaborano con Mestizza che si vedono beneficiati di questa iniziativa?

La prima idea è stata quella di lavorare da sola a casa mia con il tessuto rimasto in tute mediche. Più tardi, parlando con lo staff, hanno spiegato che tutto era utile. Grazie a Dio è stato qualcosa che stava in mente anche de altre persone, delle persone meravigliose che hanno ottenuto il tessuto giusto e hanno iniziato a produrre gratuitamente in modo speciale per il team medico ad Ambato. Diciamo quindi che ho visto che questa piazza era piuttosto coperta. Tuttavia, la mia testa continuava a pensare a come aiutare ed è qui che è nata l’idea delle maschere senza mettere a rischio il mio staff e farli sentire utili e produttivi. Così è nato questo piccolo progetto Happiness at Home by Mestizza.

Confesso di essere una persona che li piace fare un po’ di tutto del marchio e i primi giorni ero confusa su come reagire specialmente nel social media. Non volevo essere così frivolo da continuare a vendere come se non fosse successo nulla. Quindi ho indagato e riflettuto su cosa avrei dovuto fare, anche in ritardo ma la risposta è arrivata e in realtà la risposta è semplice. Aiutando.

Tutto ciò che facciamo aiuta. Che si tratti di lavorare in qualche modo per la comunità o di fornire alcune informazioni divertenti ai nostri followers. Devi metterti nei panni degli altri e aiutare.

CATALOGO MESTIZZA 20184665
Mestizza
  1. In particolare che comunità beneficia di questo progetto?

Fondamentalmente ai quartieri dei miei artigiani. Visto che loro lavorano a casa, quando escono fuori per comprare il pane lasciano le maschere nel piccoli market di quartiere. Non voglio esporli inutilmente in qualsiasi momento. Nel loro wspps annunciano al loro quartiere o alla cittadella che possono andare a prendere le maschere gratuitamente nel market del quartiere.

  1. Quanto durerà la distribuzione di queste mascherine?

Fino a quando non riusciamo a ottenere i materiali, le maschere che stiamo realizzando non sono realizzate in tessuto di cotone, ma sono dotate di un tessuto interno impermeabile per evitare davvero il contagio. La logistica è la più difficile perché approfitto quando il mio marito esce da casa per distribuire le mascherine.

  1. Come possono le persone nella comunità ottenere una di queste maschere?

Devono semplicemente avvicinarsi al negozio di quartiere quando i miei artigiani fanno il annuncio attraverso wspp.

  1. Un messaggio che desideri lasciare ai nostri lettori.

Che si uniscano, forse non a questo progetto, ma a qualcosa che sia di aiuta. Questo è un momento di empatia e solidarietà. Spero che là fuori possa ispirare a qualcuno. Tutto aiuta. Sto solo facendo un tutorial in cui potremmo persino riciclare lenzuola o vestiti e se sai cucire bene, oggi è il momento di dare una mano e pensare a ciò che il nostro aiuto può evitare.

This post is also available in: Inglese Spagnolo

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top 3 Stories

Altre storie
La bellezza della diversità si trova nella profondità, non in superficie.