Moda artigianale; patrimonio culturale e tradizione

Traduttore
Belen Espino

L’idea di preservare le pratiche ancestrali e l’identità di un popolo attraverso la moda, si estende ogni giorno a più stilisti, produttori tessili e industria legati al settore moda che cerca di essere sostenibile e competitivo contemporaneamente.

A poco a poco, l’America Latina, grazie alla sua ricchezza culturale, si posiziona in un mondo sovraffollato dal consumismo e dalla produzione in serie per far posto all’artigiano, unico, tradizionale e trasmettere attraverso l’abbigliamento o gli accessori una storia implicita o non raccontata.

Parlare di artigiano, significa riferirsi alla persona che realizza un prodotto manualmente o secondo una tecnica acquisita da un patrimonio culturale, senza coinvolgere un processo industriale, questo è il comune denominatore che due marchi condividono: Haki, Dominga Folky un negozio: Pimkay, i suoi imprenditori ritengono che la vendita di questo tipo di articoli, abbigliamento o accessori sia un modo per sensibilizzare la società in termini di protezione ambientale, commercio equo e solidale, oltre a dimostrare l’eredità di un popolo.

Haki significa fratellanza nella lingua Navajo (lingua dei nativi americani); È nato nel 2017 come impresa binazionale tra Ecuador e Perù con l’obiettivo di creare fonti di lavoro per le donne artigiane, garantendo loro sicurezza economica, mantenendo la qualità dei pezzi che realizzano e diffondendo l’arte del ricamo da entrambi i paesi.

Secondo la suo fondatrice, Vicky Almeida, attualmente offrono posti di lavoro a 16 ricamatori in totale. Nel caso del Perù, sono supportati dalla ONG Buckner Peru, che accoglie le persone in uno stato vulnerabile a causa di diversi fattori, mentre in Ecuador lavorano direttamente con piccolo satelliti delle comunità della provincia di Imbabura, per entrambe nazioni lo scopo è quello di fornire un lavoro formale a questo gruppo di donne, dal momento che non hanno una sicurezza sociale per proteggerle e l’obiettivo è che “abbiano le loro aziende, in modo che siano indipendenti”, sostiene.

Con sede in Perù, le creazioni del marchio sono design esclusivi che si materializzano in tessuti di lino, cotone peruviano Pima e certificati biologici dal Global OrganicTextile Standard (GOTS) e dal FairTradeCertified che incoraggia pratiche commerciali eque per garantire le proprietà dei suoi Vicky aggiunge che “… preferisco lavorare con materie prime locali e gli schizzi si adattano a tutte le dimensioni, l’idea è che siano pezzi unici, versatili e senza tempo”.

D’altra parte, c’è Dominga Folk, la sua proprietaria Gabriela Delgado, volontaria del movimento Fashion Revolution in Ecuador che promuove i costi reali della moda per i consumatori e che mettono in discussione i processi dietro la fabbricazione di abiti, otto anni fa ha creato questo marchio come un modo per rivalutare e perpetuare la conoscenza ancestrale delle popolazioni andine ecuadoriane.

Oggi lavora nella produzione di camicette, abiti, camicie e giacche ricamate a mano con cotone importato dall’India o dal Perù, poiché spiega che in Ecuador non esiste una vasta offerta di materie prime nel settore tessile. Tuttavia, insieme a 25 artigiani di Quito e della comunità Zuleta di Imbabura con i quali hanno un contatto diretto, “Stiamo cercando una trasformazione del marchio, in particolare nell’area dei prodotti di base che siano amiche dell’ecosistema e preferibilmente locale” Aggiunge Gabriela.

Commenta che i suoi disegni sono stati accettati in Colombia e negli Stati Uniti, e al momento i suoi abiti sono nei negozi di Cuenca, Guayaquil, Quito e Galapagos, ma non esclude la possibilità di espandersi.

Identità è la parola che definisce Pimkay, una giovane imprenditrice di articoli artigianali, sia di moda che di arredamento, la sua direttrice creativa, Neilín Álvarez, spiega che la motivazione principale per aprire questo negozio era mostrare al mondo di cosa sono capaci gli ecuadoriani. costruire attraverso strumenti, conoscenze e tessuti.

Dopo aver condotto uno studio sul campo in alcune comunità e città della costa ecuadoriana e della Sierra, attualmente vendono il lavoro di 300 persone tra designer e artigiani, che sono costantemente informati dal marchio sui gusti dei clienti. Inoltre, il 90% della materia prima è estratto a livello nazionale da fibre naturali.

Neilín è consapevole del buon uso delle risorse non rinnovabili, motivo per cui richiede anche ai suoi partner collaborativi di migliorare i processi dall’uso dei materiali all’imballaggio. Allo stesso modo, “Cerchiamo di riattivare l’economia circolare incoraggiando il commercio locale e aprendo fonti di occupazione”, afferma.

Oggi c’è il desiderio di recuperare, difendere, valorizzare e promuovere la magia dell’artigianato sia nei designer che nei consumatori, che vedono il contributo della ricchezza ancestrale e della moda da un concetto più ampio e diversificato.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top 3 Stories

Altre storie
Smartphone green e sostenibile
Gadgets sostenibili per Smartphone