ecological fuel

Auto a Gasura. Un’auto sostenibile con carburante ecologico.

Visual Curator
Vittoria Rossini
English Translation
Bryan Bravo
Italian Translation
Andrea Terrado
La parola ‘gasura’ (carburante ecologico) deriva dalla combinazione delle parole spagnole gas (benzina)+basura (spazzatura) – la parola originale verrà utilizzata nell’articolo

“Sono Edmundo Ramos di Anisacate, una città di Córdoba in Argentina, e sono il creatore dell’auto della spazzatura”. Inizia così l’intervista a Edmundo, ingegnere in pensione che dal 2008 lavora per creare questa rivoluzionaria invenzione con lo scopo di aiutare le persone e l’ambiente. È un’auto che funziona con carburante ecologico e naturale che non inquina l’ambiente.

carburante ecologico.
Edmundo accanto alla sua auto a gas.

Com’è nata l’idea?

Ramos dice che nel 2008 è andato in pensione e ha avuto molto tempo libero. “Avevo due scelte: guardare la TV e bere birra come Homer Simpson o fare qualcosa di utile per l’umanità”. Edmundo commenta che uno dei motti della sua vita è “chi non vive per servire non serve per vivere” e ha deciso di sfruttare i suoi studi di ingegneria, la sua esperienza, i suoi strumenti e il suo tempo libero per fare qualcosa di utile per l’umanità, senza scopo di lucro.

A quel tempo cominciò a pensare che il petrolio si usa “come se fosse infinito”.  Senza questo carburante, le macchine agricole non saranno in grado di raccogliere cibo e questo porterebbe a una crisi alimentare globale. L’ingegnere sostiene che bisogna anticipare un evento inevitabile in modo che non ci colga di sorpresa e ha avuto l’idea di sostituire la nafta con qualcosa che non si esaurisce mai, cioè la spazzatura.

Dal suo sito web,  Edmundo spiega che chiunque può adattare la propria auto per funzionare con la spazzatura, attraverso un processo semplice ed economico con materiali facili da trovare. Inoltre, i piani di gassificazione possono essere scaricati  in spagnolo e inglese.

L’idea è quella di convertire i rifiuti secchi e combustibili attraverso un gassificatore che li trasforma in gas. Questo gas viene utilizzato come carburante ecologico per un veicolo o un generatore a motore. L’auto a gasura non emette gas inquinanti, è un’alternativa per prendersi cura dell’ambiente, è sostenibile, economica e, soprattutto, ecologica.  

Gli inizi

“Nel 2008 sono andato su Google e ho digitato ‘auto a rifiuti’ per vedere quali esperienze c’erano, quale fosse il background, e non ho trovato nulla”. Inizialmente, Ramos ha studiato alcuni gasogeni che sono stati utilizzati nella Seconda guerra mondiale, il sistema era simile, ma erano troppo grandi, pesanti, difficili da progettare e produrre. Pertanto, questa idea doveva essere semplificata in qualche modo.

Una delle modifiche che ha introdotto è stata quella di invertire il flusso interno del gassificatore, cioè il vecchio gasogeno funzionava dall’alto verso il basso e quello nuovo funzionava dal basso verso l’alto.

Come funziona?

Secondo Ramos “l’idea è molto semplice”, si tratta di un contenitore metallico (secchio o barile), dove i rifiuti vengono caricati e poi coperti. Questo contenitore ha due fori, uno nella parte inferiore dove viene acceso il fuoco (ugello) e un altro situato nella parte superiore dove esce il fumo. Il sistema ha bisogno di una ventola per accenderlo. Il fuoco genera fumo, un combustibile composto da monossido di carbonio. Inoltre, Edmundo aggiunge alcune gocce d’acqua e quindi si verifica la termolisi, che separa l’acqua in idrogeno e ossigeno. Così, la Gasura, che è composta da monossido di carbonio, idrogeno e ossigeno, esce con polvere e cenere; quindi, deve passare attraverso tre filtri per raggiungere il motore pulito.

Pertanto, il motore utilizza monossido di carbonio e idrogeno, che sono combustibili, e restituisce ossigeno attraverso il tubo di scarico. Ciò significa che l’auto fornisce il 20% di ossigeno all’ambiente durante l’uso.

Insomma, la mia auto a spazzatura non consuma benzina, non inquina, ripulisce il pianeta dalla spazzatura e fornisce il 20% di ossigeno mentre guido.

‘Alla gloria di Dio’

Dopo 10 anni di ricerche, molti tentativi ed errori, nel gennaio 2018 Edmundo ha costruito il suo primo gassificatore, lo ha riempito di ghiande di quercia e lo ha acceso. Rimase impressionato dal fuoco della gasura. I rifiuti utilizzati devono essere asciutti, ad esempio bucce di frutta, noccioli, semi, semi di quercia, corteccia d’albero, trucioli di legno, carbone.

carburante ecologico.
Montagna della mandorla a Mendoza.

Nel febbraio dello stesso anno, acquistò il suo pick-up Ford Ranchera del 1983 e installò il gassificatore. Tuttavia, dopo quasi due anni di test, ha smesso, dopo aver speso soldi, tempo e rinunciato a molte cose. Tuttavia, “accadde un evento miracoloso, così continuai anche se avevo deciso di smettere. Qualcosa mi ha motivato a continuare e qualche mese dopo, il 2 ottobre 2019, data storica, sono uscito in strada, per la prima volta, con la mia auto a spazzatura”.

“Devo essere grato per l’aiuto che Dio mi ha dato quando avevo deciso di abbandonare il progetto ed è per questo che ho stampato sull’auto: per la gloria di Dio“.

Autonomia

Dopodiché, sono successe molte cose, “una valanga di eventi”. Prima di tutto, l’invenzione doveva essere brevettata e questo richiede circa cinque anni. Il processo ha diverse fasi e ognuna è superiore alla precedente. Non ci sono brevetti simili in Argentina o in America Latina. Ora dobbiamo aspettare e vedere cosa succede nel mondo. “Siamo in dirittura d’arrivo”.

Per quanto riguarda la velocità massima raggiunta è stata di 115 km l’ora, la distanza massima percorsa è stata da La Quiaca a Río Gallegos, 4.800 km solo con gasura. Cioè, “con la spazzatura che io e mia moglie stavamo raccogliendo lungo la strada. Zero benzina”. 

Per raggiungere l’obiettivo di divulgare l’invenzione, è stato necessario scrivere un manuale in spagnolo e inglese in un linguaggio semplice e con molte foto. Inoltre, Edmundo ha aperto un canale YouTube per diffondere video didattici in modo che le persone si sentissero incoraggiate a replicare la sua invenzione.

Viaggio lungo la Route 40

Edmundo e sua moglie hanno intrapreso un viaggio attraverso Argentina dalla fine del 2021 al febbraio 2022, da La Quiaca (Jujuy) a Cabo Virgenes (Santa Cruz). Un percorso di 4.750 km solo con “Gasura“.

Edmundo e sua moglie Fabiola a Esquel, Chubut.

L’importante è sapere quali rifiuti vengono generati in ogni città e utilizzarli

Il carbone di legna è uno dei migliori tipi di rifiuti. Tuttavia, Edmundo ritiene che sia meglio scoprire quali rifiuti vengono generati in ogni luogo per utilizzarli. Ad esempio, a Jujuy e San Martín de los Andes gli hanno offerto carbone, a Cafayate (Salta) ha usato i resti di vigneti, a Catamarca e a La Rioja gusci di noce, a San Juan carbone, a Mendoza capitale pistacchi e gusci di mandorle, a San Rafael noccioli di albicocca e a Comodoro Rivadavia corteccia d’albero.

L’auto Gasura in giro per il mondo

Il suo ultimo video “My Gasifier Around the World” presenta foto e video di persone che usano il gassificatore in Zambia, Svezia, Stati Uniti, Bolivia, Paraguay, Argentina e Birmania. In quest’ultimo paese, un uomo ha creato una fabbrica di gassificatori e ha dato lavoro a tante persone. Alimenta anche un motore per un generatore elettrico per fornire energia elettrica al villaggio. “A poco a poco questo ha guadagnato slancio e la gente lo ha copiato”. E aggiunge: “Non ho alcun interesse economico in questo”.

Infine, Ramos dice che il suo prossimo progetto è la “plastigas”. Vuole produrre un combustibile a base di plastica e quindi ripulire il pianeta da questi rifiuti. Inoltre, dice di aver rifiutato l’offerta di tre investitori per creare una fabbrica di gassificatori organici perché vuole dedicarsi completamente a “Plastigas”.

Edmundo e sua moglie sono stati nominati cittadini illustri dal Consiglio Deliberativo di Anisacate. Un riconoscimento importante per questo grande inventore che, con il suo lavoro, contribuisce alla cura dell’ambiente e  di un mezzo di trasporto sostenibile  attraverso carburanti ecologici.  

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top 3 Stories