plant in a bag

Sacchetti biodegradabili: migliori per l’ambiente?

Visual Curator
Vittoria Rossini
English Translation
Andrea Terrado
Italian Translation
Bryan Bravo

È risaputo che la plastica è un problema globale. Poco più di mezzo secolo dopo essere entrata nel mercato sotto forma di sacchetti di plastica, la plastica rappresenta oggi uno dei maggiori problemi ambientali. In questo stesso periodo di tempo, si stima che almeno 139 milioni di tonnellate di rifiuti plastici si siano accumulati negli ambienti acquatici (fiumi, laghi, oceani). In più, ogni anno vengono prodotti 358 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, di cui almeno 22 milioni vengono scaricati direttamente nell’ambiente.

Queste sono solo alcune cifre, pubblicate da France24, che dimostrano l’entità del problema che l’umanità deve affrontare e quanto la situazione sia preoccupante per la salute del pianeta.

Image by Brian Yurasits (Unsplash)

Per questo motivo, nel tentativo di ridurne l’uso e il conseguente inquinamento, diversi Paesi hanno adottato misure come divieti, regolamenti o tasse. Queste misure si concentrano soprattutto sulle plastiche più comunemente e massicciamente utilizzate: cannucce e sacchetti. Per riempire la fetta di mercato, sviluppata in gran parte a causa delle nostre cattive abitudini, negli ultimi anni sono apparse molteplici opzioni che sostengono di essere più sostenibili delle loro controparti. Ma lo sono davvero?

Ci sono molte variabili da considerare per trovare l’opzione vincente. L’approvvigionamento delle materie prime, la produzione, il dispendio energetico, il trasporto, l’impronta che lascerà dopo aver raggiunto il suo scopo: ogni fase del suo ciclo (e di qualsiasi prodotto) genera un impatto ambientale.

Secondo il National Geographic, i sacchetti di plastica, pur essendo realizzati in polietilene (derivato del petrolio), generano meno emissioni di carbonio nella loro produzione rispetto ai loro omologhi in carta o cotone. Sono più resistenti e riutilizzabili, in quanto verrebbero usati almeno due volte: per trasportare il prodotto e per contenere i rifiuti. Il problema: non si biodegradano. Alla fine si rompono, ma non si degradano. Rimangono nell’ambiente come microplastiche per decenni, anche centinaia di anni, mettendo in pericolo la vita di tutte le specie del pianeta, compresa la nostra. Le microplastiche si trovano negli oceani, nei terreni, nell’aria e fanno parte della catena alimentare di milioni di specie.

In questo contesto, è in corso la ricerca di un sostituto. I sacchetti di carta, di tessuto e biodegradabili sono le principali opzioni per i consumatori. Tuttavia, questi ultimi sono quelli che hanno sostituito con maggior forza i comuni sacchetti di plastica. Vengono infatti utilizzati soprattutto nei supermercati, nei minimarket e nelle consegne di cibo.

La loro popolarità è dovuta al fatto che i sacchetti biodegradabili, come quelli di plastica, sono più adatti al trasporto di prodotti bagnati o liquidi. Sono più isolanti e impermeabili rispetto ai sacchetti di carta, ad esempio. Sono anche più facili da trasportare perché sono più leggeri e occupano meno spazio.

I sacchetti biodegradabili sono quelli che, come suggerisce il nome, vengono decomposti dai microrganismi. All’interno di questa categoria si trovano i sacchetti biodegradabili in sé, i sacchetti compostabili e i sacchetti oxo-biodegradabili, detti anche oxo-biodegradabili.

Image by John Cameron (Unsplash)

Un sacchetto biodegradabile non è necessariamente compostabile. Ma per essere compostabile, deve necessariamente essere biodegradabile. Essere compostabile significa che la sua decomposizione servirà a nutrire il terreno, diventando compost grazie all’intervento umano. Ecco il dettaglio interessante: per funzionare ha bisogno dell’azione umana e di condizioni specifiche.

Se fate il compost a casa, è probabile che non possiate utilizzare il vostro sacchetto a tale scopo, anche se è stato progettato per decomporsi. Gli impianti di compost domestico non hanno le condizioni giuste che i sacchi richiedono, quindi in pratica il loro vantaggio di compostaggio diventa molto difficile da realizzare, rendendoli inutili per lo scopo per cui sono stati progettati.

D’altra parte, le strutture industriali che potrebbero fornire l’ambiente favorevole sono scarse. Non sono presenti in tutte le città del mondo, né esiste una rete di raccolta adeguata. Anche se venissero decomposti in strutture adeguate, non ci sono prove sufficienti a garantire il loro beneficio per i terreni.

A differenza di questi, gli oxo-degradabili contengono un composto chimico aggiunto che permette loro di degradarsi, frammentandosi più rapidamente. Tuttavia, non sono considerati un vantaggio per l’ambiente, in quanto le loro tracce continuano a inquinare. Può scomparire visivamente, ma rimane nell’ambiente sotto forma di microplastiche. Di conseguenza, il loro uso è stato classificato come fonte di preoccupazione ed è stato persino vietato nell’Unione Europea.

Uno studio spagnolo dell’IDAEA-CSIC suggerisce che i sacchetti biodegradabili potrebbero essere più tossici per il compost rispetto ai sacchetti tradizionali. Questo perché sono più difficili da lavorare e utilizzano una maggiore quantità di additivi chimici nella loro produzione, che potrebbero essere tossici. Lo studio tossicologico è stato condotto su cellule di pesce, che hanno mostrato un livello di tossicità maggiore con i sacchetti biodegradabili rispetto a quelli convenzionali, indicando che le formulazioni presenti in essi sarebbero dannose per la salute.

Pertanto, evidenziano la necessità di indagare sulle formulazioni utilizzate dai produttori e di condurre ulteriori studi sugli effetti che avrebbero sull’ambiente e sulla nostra salute. Questo è preoccupante perché sembra indicare che la soluzione prevista per la plastica sarebbe più pericolosa o altrettanto pericolosa.

Non possono nemmeno essere riciclati come plastica. Che siano biodegradabili, compostabili od oxo-degradabili, devono essere separati dal riciclo convenzionale, perché non possono essere riciclati come plastica in quanto tali. Inoltre, contaminano il flusso di riciclaggio rendendo inutilizzabili quelli con cui sono stati mescolati.

Come sottolinea l’organizzazione World Wild Life, non si può e non si deve pensare che ci sarà una soluzione magica che risolverà il problema. C’è molto da fare.

La plastica biodegradabile e compostabile da sola non risolverà la crisi dell’inquinamento da plastica. Sono invece molte le leve da azionare per ridurre e riutilizzare la plastica e passare a un’economia circolare. In effetti, non possiamo nemmeno basarci sul presupposto che questi materiali non causino danni all’ambiente se finiscono nei rifiuti.

-WWF

Le plastiche biodegradabili, per il momento, funzionano meglio in teoria che in pratica. Molti dei sacchetti etichettati come “biodegradabili”, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non si decompongono completamente, lasciando residui di microplastica nell’ambiente. Se non vengono gestiti in modo corretto, restano rifiuti e se non si biodegradano correttamente restano inquinanti per la natura.

Il termine “bio” può trarre in inganno il consumatore medio e fargli credere che il suo utilizzo sia ecologico e non abbia alcun impatto. Si usa “bio” perché si tratta di un processo biologico, ma non perché si trasformi in materiale organico.

La gente li getta erroneamente credendo che si disintegrino col tempo e che, essendo bio, non danneggino l’ambiente. Ma nulla scompare magicamente senza lasciare un’impronta sul pianeta. Possono scomparire visivamente, ma rimangono nell’ambiente.

Ecco perché al momento non esiste un’opzione vincente. Ognuna ha i suoi vantaggi e svantaggi. Tutti hanno un impatto sul pianeta, sia per la loro produzione, sia per i loro componenti, sia per il loro smaltimento, in breve, per il loro intero ciclo di vita. Alcuni possono scegliere borse biodegradabili, altri borse di tessuto, ma alla fine tutti hanno un costo.

L’opzione migliore è quella che si riutilizza migliaia di volte. La peggiore è quella che si usa una sola volta. Quindi riutilizzate quella che avete il più possibile. L’impatto che ha avuto durante la produzione è importante quanto l’impatto che avrà dopo aver raggiunto il suo scopo primario, la vita dopo, l’uso che ne farete e ciò che ne rimarrà sul pianeta.

Image by Karolina Grabowska

Anche l’approccio che il produttore e le aziende che lo utilizzano devono adottare è estremamente importante. Promuovere il riutilizzo, trovare soluzioni per ridurre l’uso di sacchetti, reti di raccolta, sistemi adeguati per il compostaggio, tra gli altri. Migliaia di questioni che devono essere prese in considerazione per assumersi la propria responsabilità e farsi carico dei rifiuti prodotti.

I governi devono intervenire e proporre norme più precise per l’uso del termine, per la produzione, la commercializzazione e l’utilizzo. Dobbiamo essere responsabili delle nostre azioni e cambiare il nostro comportamento di consumatori. Altrettanto importante del giudizio di questi organismi è il vostro giudizio per fare il miglior uso possibile di ciò che già avete. Ora dovremo pensare e ripensare al modo in cui usiamo e scartiamo.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top 3 Stories