Impegni di sostenibilità: qual è la realtà?

English and Italian Translation
Bryan Bravo
Visual Curator
Mariagiovanna Amodeo

Come conseguenza del suo impatto ambientale e sociale negativo, l’industria globale della moda sta rivalutando la propria produzione, distribuzione e commercializzazione attraverso impegni di sostenibilità. Nell’ultimo decennio, il settore ha iniziato a raggiungere gli obiettivi di migrazione verso una produzione più responsabile, in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs). L’ultima Carta dell’Industria della Moda per l’Azione per il Clima ha riportato i progressi compiuti entro il 2023. Già il 44% dei firmatari ha fissato obiettivi climatici inferiori a 1,5°C di riscaldamento globale, rispetto al 23% del 2020.

Mentre le aziende della moda continuano a lavorare sui loro impegni di sostenibilità, le scadenze continuano a essere prorogate: i termini per i risultati sono stati fissati per il 2030, 2035 e 2050.

L’impegno per la sostenibilità

Il Patto per la Sostenibilità della Commissione Economica per l’Europa delle Nazioni Unite è un insieme di raccomandazioni politiche, linee guida e standard che consentono agli operatori del settore della moda di convalidare le proprie dichiarazioni di sostenibilità.

A oggi, 42 impegni e azioni di oltre 100 organizzazioni e aziende hanno sottoscritto il Pledge, tra cui Fashion Revolution, Vivienne Westwood, Mulberry e Inditex.

Un settore decisamente positivo

La Global Fashion Agenda (GFA) è un’organizzazione non-profit che promuove la collaborazione dell’industria della moda per accelerare il suo impatto sulla sostenibilità.

I suoi obiettivi sono: 

  • Ridurre il 50% dei gas serra entro il 2030 e raggiungere zero emissioni nette di gas serra entro il 2050;
  • Raggiungere un salario di sussistenza per 70 milioni di lavoratori;
  • Ridurre l’uso di poliestere vergine, cotone convenzionale e cellulosa artificiale convenzionale;
  • Ridurre significativamente l’uso di risorse limitate. 

Con la visione di un’industria della moda nettamente positiva, la GFA guida l’azione educando, ispirando, influenzando e mobilitando tutte le parti interessate. Tra i partner: Kering, H&M Group, Ralph Lauren, PVH Corp, McKinsey & Co, Textile Exchange, Vestiaire Collective.

Patto per la moda

Nel 2019, nell’ambito del G7, è stato creato il Patto della Moda, una coalizione internazionale di aziende per un futuro positivo della moda, che si propone di:

  • Garantire che il 25% delle materie prime abbia un minore impatto sul clima entro il 2025;
  • Sostenere la deforestazione zero e la gestione sostenibile delle foreste entro il 2025;
  • Raggiungere il 100% di energia rinnovabile in tutte le operazioni entro il 2030;
  • Proteggere gli oceani e le acque dolci dall’impatto negativo dell’industria;
  • Mitigare il cambiamento climatico per arrivare a zero emissioni nette entro il 2050.

Alcuni dei membri impegnati sono: Adidas – Burberry – Capri Holdings Limited – Chanel – Chloé – Desigual – El Corte Inglés – Gruppo Ermenegildo Zegna – Farfetch – Ferragamo – Gap Inc. – Gruppo Armani – Gruppo H&M – Inditex – Gruppo J.Crew – Kering – Mango – Moncler – Nike, Inc – Prada S.P.A – Puma SE – PVH Corp – Ralph Lauren – Tapestry – Zadig & Voltaire – Zimmermann.

François-Henri Pinault and Emmanuel Macron 
August 2019 in Paris – Jean-François/Modds for Kering

Impegni di sostenibilità

Kering

La sostenibilità è al centro della strategia del Gruppo, delle sue Case e dei suoi azionisti. Prendersi cura, collaborare, creare sono i tre pilastri su cui si basa la strategia di sostenibilità 2025 di Kering.

A tal fine, non solo hanno sviluppato uno strumento innovativo per misurare e quantificare l’impatto ambientale delle loro attività, ma hanno anche lanciato una serie di iniziative per la protezione e la sostenibilità delle risorse naturali.

Secondo la relazione sui progressi compiuti nel periodo 2020-2023: 

  • L’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale del 40% è stato raggiunto nel 2021, quattro anni prima del previsto;
  • +225 startup collaborano con Kering dal 2016;
  • Riduzione delle emissioni di gas serra del Gruppo di oltre il 50% dal 2015;
  • Raggiunto il 100% di elettricità rinnovabile;
  • Raggiunto il 95% di tracciabilità delle materie prime;
  • Raggiunto il 71% della produzione di materie prime con il loro standard. 

LVMH

Il conglomerato multinazionale francese specializzato in beni di lusso ha fatto dello sviluppo sostenibile una priorità strategica fin dalla sua fondazione.

Contribuzione ai 17 SDGs entro il 2022: 

  • Ha lanciato la sua tabella di marcia globale per la diversità e l’inclusione;
  • Ha adottato un piano di sobrietà energetica per ridurre il consumo di elettricità nei suoi laboratori e negozi del 10% entro un anno;
  • Ha ottenuto la certificazione della catena di approvvigionamento del cotone e della pelle;
  • Ha realizzato 190.000 metri di tessuti riciclati;
  • Ha raggiunto il 39% di materie prime riciclate negli imballaggi in plastica e vetro;
  • Ha ridotto dell’11% delle emissioni di gas serra generate dal consumo di energia;
  • Il 47% del mix energetico del Gruppo è costituito da energia rinnovabile;
  • Ha ridotto del 15% delle emissioni di gas serra (rispetto al 2019);
  • Il 77% dei negozi è interamente illuminato a LED;
  • Trasparenza di 9.500 prodotti con un proprio sistema di informazione ai clienti.

I suoi obiettivi per il 2023 – 2025 – 2026 – 2030: 

2023: nuovi servizi circolari: riparazioni, upcycling, ecc.

2025: 50% delle posizioni chiave occupate da donne e 2% da dipendenti con disabilità;

2026: 30% delle posizioni manageriali statunitensi occupate da BIPOC; zero plastica vergine di origine fossile; 100% di materie prime strategiche certificate; riduzione dei gas serra del 50% e 100% di energia rinnovabile o a basse emissioni di carbonio.

2030: 55% di riduzione e/o eliminazione delle emissioni di gas serra; 100% dei nuovi prodotti progettati in modo ecologico; 55% di riduzione e/o eliminazione delle emissioni di gas serra nell’ambito 3; 5 milioni di ettari di habitat della fauna selvatica ripristinati e/o preservati.

Secondo le loro stesse parole, “la nostra posizione di leadership comporta responsabilità sociali e ambientali. Dobbiamo andare oltre il semplice rispetto delle normative”.

H&M Group

Crede che la trasparenza sia la chiave per guidare un cambiamento sostenibile nel settore. Secondo il suo impegno di sostenibilità nel 2022:

  • Ha ridotto emissioni di gas serra Scope 3 1.2 del 7% e delle emissioni di gas serra Scope 1 e 2 dell’8%;
  • Ha lanciato una nuova strategia idrica 2030 e ha ridotto il consumo relativo di acqua per prodotto del 38%;
  • 84% di utilizzo di materiali riciclati o provenienti da fonti più sostenibili;
  • Il 42% delle fabbriche dei fornitori Tier 1 ha una rappresentanza sindacale (37% nel 2021) e il 34% ha stipulato contratti collettivi di lavoro (27% nel 2021);
  • Riduzione del 44% degli imballaggi in plastica, raggiungendo l’obiettivo prima del previsto;
  • Utilizzo del 23% di materiali riciclati, in aumento rispetto al 18% del 2021 e in avvicinamento all’obiettivo del 30% entro il 2025;
  • Contributo di 114,2 milioni alle iniziative di investimento nelle comunità. 

Inditex

Industria de Diseño Textil è il più grande gruppo di fast fashion al mondo con Zara, Bershka, Stradivarius, Pull&Bear e Massimo Dutti.

Il suo obiettivo è continuare a offrire prodotti più ecologici, muovendosi verso un modello circolare e zero emissioni nette. Il suo impegno per la sostenibilità comprende:

2025: servizi di circolarità come Zara Pre-Owned nei mercati chiave; promozione dei progressi in materia di dialogo sociale, salari di sussistenza, salute, rispetto e resilienza.

2030: ridurre le emissioni di oltre il 50%; utilizzare solo materie prime tessili con una minore impronta ambientale; proteggere, ripristinare, rigenerare o rigenerare la biodiversità su 5 milioni di ettari.

2040: zero emissioni nette; ridurre la nostra impronta di carbonio di almeno il 90% rispetto al 2018.

Nelle parole della multinazionale: “Crediamo nel potere trasformativo della moda e ci impegniamo a rendere l’industria della moda una forza positiva per le persone e per il pianeta. La pressione sulle nostre risorse naturali e la sfida posta dal cambiamento climatico richiedono una risposta rapida da parte di tutti noi”.

Credit: www.fashionrevolution.org

Trasparenza, il primo passo.

L’ONG Fashion Revolution ha pubblicato il Fashion Transparency Index 2023, la sua analisi delle pratiche e dell’impatto della catena di approvvigionamento del settore.

L’Indice è uno strumento per incoraggiare le aziende della moda a essere più trasparenti sui loro sforzi sociali e ambientali, analizzando al contempo la quantità di informazioni che condividono.

Secondo il rapporto, quest’anno i progressi in materia di trasparenza rimangono troppo lenti tra 250 aziende e rivenditori di moda del mondo, rivelando una mancanza di trasparenza in diverse aree cruciali.

Tra i risultati più salienti vi sono i seguenti.

Approvvigionamento dei materiali: il 51% ha pubblicato obiettivi sui materiali sostenibili, ma solo il 44% definisce cosa intende per “sostenibile”. D’altro canto, il 42% pubblica i progressi compiuti nel raggiungimento di questi obiettivi e il 29% rende nota la ripartizione delle fibre acquistate annualmente.

Acqua e prodotti chimici: solo il 7% pubblica i risultati dell’analisi delle acque reflue dei propri fornitori. Mentre solo il 24% pubblica l’impronta idrica a livello di produzione e il 4% a livello di fibra grezza. Inoltre, solo il 23% rende noto il proprio processo di valutazione dei rischi legati all’acqua.

Crisi climatica: solo il 9% condivide le misure che sta adottando per aiutare i propri fornitori a passare alle energie rinnovabili. Mentre il 94% non dice ancora quale combustibile viene utilizzato per la fabbricazione dei propri prodotti.

Rifiuti e sovrapproduzione: l’88% non rivela ancora i propri volumi di produzione annuali. Mentre il 99% non dichiara il proprio impegno a ridurre il numero di nuovi prodotti.

Salario di sussistenza: solo l’1% dichiara quanti lavoratori della propria catena di fornitura ricevono un salario di sussistenza.

Tracciabilità della catena di approvvigionamento: per la prima volta, il 52% ha reso noto l’elenco dei fornitori di primo livello. Tuttavia, il punteggio medio complessivo di questa sezione è del 23%, con quasi la metà (45%) dei marchi che ha dichiarato poco o nulla.

La trasparenza è alla base della sostenibilità: senza trasparenza, sarà impossibile ottenere un’industria della moda sostenibile, responsabile ed equa.

Fashion Revolution

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top 3 Stories