sewing machine

Sfruttamento dei diritti umani nell’industria della moda

Visual Curator
Vittoria Rossini
English Translation
Bryan Bravo
Italian Translation
Andrea Terrado

Oggi, milioni di persone lavorano nel settore della moda. E un gran numero di loro vede violati i propri diritti umani fondamentali. I lavoratori dell’abbigliamento, di cui le donne rappresentano l’80 per cento, affrontano povertà, condizioni di lavoro complesse e continue violazioni dei loro diritti, mentre la legislazione del loro paese (generalmente paesi in via di sviluppo e non solo) spesso non li protegge.

Lo sfruttamento può includere:

  • Salario minimo troppo basso
  • Lavoro forzato
  • Orari di lavoro eccessivi
  • Assenza di contratti e previdenza sociale
  • Mancanza di condizioni di lavoro sicure
  • Molestie sui lavoratori
  • Violazione della libertà di associazione
  • Lavoro minorile

Secondo Fashion Revolution, la maggior parte dei lavoratori dell’abbigliamento non è in grado di permettersi i bisogni umani di base come cibo, alloggio e assistenza sanitaria perché sono pagati con salari bassi.

Il Fashion Transparency Index ha rivelato che il 99% dei principali marchi di moda continua a non segnalare il numero di lavoratori nella loro catena di approvvigionamento che guadagnano un salario dignitoso. Indica inoltre che solo il 23% spiega la prevalenza delle violazioni legate alla schiavitù moderna e i fattori di rischio nella propria catena di produzione.

Quasi il 97% degli articoli di moda del settore proviene da paesi come il Bangladesh, la Cambogia, la Cina, l’India, l’Indonesia, le Filippine, la Thailandia o il Vietnam.

Reuters stima che il divario tra il salario minimo e il salario di sussistenza in 28 paesi produttori sia del 48,5%.

Ricordando il Rana Plaza

Il 24 aprile 2023 ha segnato il 10° anniversario del disastro del Rana Plaza, quando l’industria della moda ha dovuto cambiare dopo che più di mille lavoratori sono morti e circa 2000 sono rimasti feriti quando una fabbrica a Dhaka, in Bangladesh, è crollata.

L’indagine successiva rivelò che la fabbrica aveva due impianti abusivi, e che il crollo era il risultato delle macchine utilizzate che destabilizzavano la costruzione.

Almeno 29 aziende hanno prodotto nella fabbrica del Rana Plaza, tra cui Benetton, JCPenney, Mango, Primark, Walmart e Inditex.

Grazie all‘Accordo del Bangladesh  sulla sicurezza negli edifici e nei sistemi antincendio, che ha riunito il governo, i sindacati e più di 90 marchi, le fabbriche di abbigliamento del Bangladesh sono sicure per milioni di lavoratori.

Immagine di François Le Nguyen (Unsplash)

Panoramica

I lavoratori dell’industria tessile non sono pagati abbastanza per soddisfare i loro bisogni di base.

Good on You spiega che in Cina il salario minimo legale è ancora ben al di sotto del salario di sussistenza. Mentre, in Bangladesh, Vietnam e Indonesia, i salari sono solo da un quarto alla metà di ciò di cui un lavoratore ha bisogno per condurre una vita dignitosa. Secondo  la Clean Clothes Campaign, la differenza tra i salari attuali e un salario di sussistenza è spesso maggiore nei paesi di produzione europei che in quelli asiatici.

In Europa, i salari dei lavoratori tessili sono ben al di sotto della soglia di povertà. Ciò ha portato alla campagna Good Clothes Fair Pay, un’iniziativa dei cittadini europei per i salari di sussistenza nella catena di approvvigionamento della moda, che chiede una legislazione che aiuti a raggiungere salari equi per i lavoratori del settore tessile e dell’abbigliamento in tutto il mondo.

Immagine di Rio Lecatompessy (Unsplash)

Legislazione di protezione

Per decenni, i lavoratori del settore a livello globale hanno lottato per salari equi e condizioni di lavoro sicure, chiedendo leggi che li proteggessero dallo sfruttamento persistente. La crescente complessità delle catene di approvvigionamento globalizzate ha fatto sì che le aziende siano in grado di sottrarsi alle proprie responsabilità lasciando i lavoratori indifesi.  Ecco perché le autorità di regolamentazione stanno intervenendo, obbligando le aziende a standard più severi.

Secondo i  Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani  , le aziende hanno la responsabilità di rispettare i diritti umani dei lavoratori e non possono agire in modo da avere un impatto negativo. L’ACT è un accordo tra 19 aziende globali alla ricerca di salari adeguati per i lavoratori delle catene di approvvigionamento tessile e dell’abbigliamento, che operano in Turchia, Bangladesh e Cambogia. Alcuni dei firmatari dell’accordo sono H&M, Inditex, Primark, PVH Corp. e Zalando.

Gli Stati Uniti

Lo stato della California ha il Transparency in Supply Chains Act dal 2010. Mentre nel 2021 è stato creato il Garment Workers Protection Act, che consente ai lavoratori di rivolgersi ad aziende che hanno subappaltato ad aziende che li assumono.

Nel 2022, l’Assembly Bill A8352 è stato convertito in legge a New York, richiedendo ai rivenditori e ai produttori di moda al dettaglio di rendere pubbliche le loro politiche di due diligence ambientale e sociale; e S. 3578 Slave-Free Business Certification Act, che richiede ad alcune aziende di rivelare l’uso del lavoro forzato nella loro catena di approvvigionamento diretta.

L’Unione Europea

L’Unione Europea dispone di un Sistema di Preferenze Generalizzate (SPG) che offre un accesso preferenziale al mercato dell’UE, con l’obiettivo primario di contribuire all’eliminazione della povertà espandendo le esportazioni dai paesi in via di sviluppo e garantendo i diritti umani e del lavoro fondamentali.

Il Parlamento europeo ha inoltre approvato un regolamento per integrare i diritti umani e l’impatto ambientale nella governance, che obbligherà le imprese di tutti i settori a prevenire, eliminare o mitigare l’impatto negativo delle loro attività, ritenendo le aziende che non rispettano le norme e sanzionandole dalle autorità nazionali di vigilanza.

I paesi dell’UE, come la Germania, hanno adottato la legge sul dovere di diligenza delle imprese nelle catene di approvvigionamento e in Francia la legge 2017-399 sul dovere di diligenza delle imprese.

Altri paesi

In Gran Bretagna il Modern Slavery Act esiste dal 2015; mentre l’Australia ha il Modern Slavery Act dal 2018. Entrambi riguardano le condizioni di lavoro nelle catene di approvvigionamento globali.

Sebbene le normative che proteggono i diritti dei lavoratori siano in vigore da tempo, la mancanza di un’applicazione efficace e il debole potere sanzionatorio hanno permesso continue violazioni dei diritti umani nel settore.

Affinché qualsiasi legislazione sia efficace nel migliorare i diritti dei lavoratori dell’abbigliamento in tutta la catena di approvvigionamento globale, devono esistere mezzi e meccanismi chiari per la sua attuazione, meccanismi di reclamo indipendenti che consentano ai lavoratori di presentare facilmente reclami e risultati vincolanti in materia di diritti dei lavoratori.

Theresa Haas, direttrice delle strategie globali di Workers United.

Schiavitù moderna

Per le Nazioni Unite, la schiavitù moderna si riferisce a situazioni di sfruttamento in cui una persona si trova e non può rifiutarsi o andarsene a causa di minacce, violenza, coercizione, inganno o abuso di potere.

Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), quasi 50 milioni di persone sono vittime di questo tipo di sfruttamento, aumentato negli ultimi anni come conseguenza del modello economico del fast fashion basato sulla sovrapproduzione, che mette sotto pressione la filiera che non puo soddisfare le normali operazioni.

Secondo il  rapporto Global Slavery Index 2023, questa schiavitù è presente in settori caratterizzati dall’informalità.

Quasi due terzi di tutti i casi di lavoro forzato sono legati alle catene di approvvigionamento globali e la maggior parte di questi casi di lavoro forzato si trova ai livelli più bassi delle catene di approvvigionamento, come l’estrazione delle materie prime e le fasi di produzione.

Ma c’è l’errata convinzione che le cattive condizioni di lavoro nel settore riguardino solo i paesi del terzo mondo, poiché sono stati implicati in ripetuti casi di schiavitù moderna.

Tuttavia, questo tipo di violazioni dei diritti umani può essere riscontrato anche nei paesi del primo mondo.

Vicino a casa

Nel 2020 in Gran Bretagna, Labour Behind the Label ha pubblicato prove che hanno scoperto il lavoro forzato nelle fabbriche di abbigliamento della città di Leicester, in Inghilterra, rivelando che i lavoratori sono stati costretti a lavorare per lunghe ore per 3 sterline l’ora e costretti a lavorare senza misure di distanziamento sociale durante la pandemia.

Un‘inchiesta del New York Times ha raccolto le testimonianze di una sessantina di donne pugliesi che lavoravano da casa o in un piccolo laboratorio senza un contratto regolamentato nel settore tessile della moda italiana e per una bassa retribuzione.

L’Asia Floor Wage Alliance (Afwa), insieme a 20 sindacati dei lavoratori, ha intentato una causa contro Nike per non aver rispettato le regole dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) per il mancato pagamento ai suoi fornitori dopo che l’azienda ha annullato gli ordini nel 2020.

D’altra parte, Afwa insieme a Global Labor Justice-International Labor Rights Forum (GLJ-Ilrf) ha citato in giudizio grandi aziende come Nike, Levi’s e VF Corporation (proprietaria di Supreme, Timberland, The North Face e Vans) per risarcire i lavoratori per i ritardi nei pagamenti dei salari durante la pandemia.

immagine di François Le Nguyen (unsplash)

Visione per il futuro

L’industria della moda è sotto esame. Il prezzo pieno di un capo deve includere un salario di sussistenza con cui i lavoratori che lo producono possono vivere.

Una maggiore trasparenza consente di individuare i rischi che possono ledere i  diritti umani dei lavoratori.

A tal fine, è fondamentale regolamentare la legislazione sullo sfruttamento del lavoro lungo tutta la catena di approvvigionamento che obblighi le aziende a monitorare e rendicontare il loro impatto e le renda responsabili degli abusi commessi.

Un salario dignitoso non è un lusso, è un diritto umano fondamentale.

Fashion Revolution.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top 3 Stories