BioCultura, la fiera dei prodotti biologici

Author
Marina D'Orazio
Translation
Karyna Prieto

Questo evento, rivolto ai prodotti biologici e sostenibili, si tiene ogni anno in tre città spagnole: Madrid, Barcellona e A Coruña. Quest’anno si è svolta nella capitale catalana dal 9 al 12 maggio, con lo slogan: “Tienes hambre de sitopía, ven a descubrirlo“. Come riferimento al concetto coniato da Carolyn Steel nel suo libro omonimo. La parola Sitopia significa il luogo da cui proviene il cibo ed è la somma delle parole greche sitos (cibo) e topos (luogo).

Il progetto è nato quarant’anni fa da Ángeles Parra, direttrice della fiera e presidente dell’associazione Vida Sana. Voleva creare un luogo in cui l’ecologia fosse protagonista, in un momento in cui non esisteva un settore specificamente dedicato ad essa. Per questo motivo, BioCultura si definisce come uno spazio per il consumo responsabile e i prodotti ecologici. Con il tempo è diventato un punto di riferimento, essendo il più grande evento in Spagna su questo tema.

Oggi è un luogo multisettoriale frequentato principalmente da persone interessate ai prodotti che consumano. È caratterizzato dalla presentazione di numerosi articoli attraverso espositori e showroom. Allo stesso tempo offre più di 250 attività a tema, conferenze e dibattiti, show cooking, laboratori per bambini e foodtruck.

Esposizione di prodotti alimentari biologici certificati
Esposizione di prodotti alimentari biologici certificati Foto, BioCultura, Barcelona 2024.

La trentesima edizione di Barcellona

Durante i quattro giorni hanno partecipato circa 300 espositori. Questi sono stati suddivisi in base agli articoli che vendevano. Per questo motivo, sono stati suddivisi in sei gruppi diversi: alimenti e cosmetici certificati, integratori alimentari, moda sostenibile, casa e lifestyle. Tra questi, i primi due si sono distinti per la loro popolarità. Lo scopo principale degli stand è far conoscere i prodotti e stabilire un contatto più stretto con i clienti.

D’altra parte, cinquantamila persone hanno partecipato come pubblico per tutta la durata dell’evento. La maggior parte di loro sono professionisti dell’ambiente o persone coinvolte in uno stile di vita sostenibile ed ecologico. Sono interessati a conoscere gli ultimi sviluppi nei vari settori e a partecipare alle attività organizzate con i professionisti. In generale, il pubblico che partecipa a questo evento è vario, anche se il direttore di BioCultura ha sottolineato che i giovani sono sempre più numerosi.

Area esterna della fiera con i foodtruck
Area esterna della fiera con i foodtruck Foto, BioCultura, Barcelona 2024.

FINANZE ETICHE

Tra le attività organizzate per la fiera c’è stato l’intervento “Introduzione alla finanza etica e all’impact investing” di Oikocredit. Oikocredit è un’organizzazione internazionale che fornisce servizi di finanza etica attraverso l’investimento creditizio per lo sviluppo e la riduzione della povertà. Il relatore era David Díaz de Quijano y Barbero, coordinatore di Oikocredit in Catalogna e docente di finanza etica e imprenditoria sociale all’Università Pompeu Fabra.

Durante l’intervento sono stati presentati una serie di dati relativi alla sostenibilità, al cambiamento climatico e alle disuguaglianze. Questi dati sono stati utilizzati per stabilire una relazione tra il sistema economico e le istituzioni finanziarie. La stragrande maggioranza di esse investe in attività lucrative non legate alla sostenibilità, come i combustibili fossili o gli armamenti. Ciononostante, alcune sono banche sostenibili, cioè contengono alcuni progetti finalizzati a investimenti a impatto positivo.

Como alternativa, David presentó a las entidades financieras éticas: aquellas que ofrecen servicios de inversión ética y los bancos éticos. Nacidas durante el movimiento pacifista, de los años sesenta y setenta, estas entidades buscan generar un impacto social positivo en su totalidad. Por ende, establecen criterios ético-sociales y ambientales para la inversión de su capital. Aunque estas no ofrecen una gran rentabilidad económica, sí garantizan una inversión del capital en actividades que fomentan la sostenibilidad y el desarrollo humano. Lamentablemente, aún son poco conocidas debido a los tópicos relacionados con ellas. Aun así, existen plataformas como la European Federation of Ethical and Alternative Banks and Financiers (FEBEA) que promueven y dan a conocer este tipo de entidades. 

Come alternativa, David ha presentato le istituzioni finanziarie etiche: quelle che offrono servizi di investimento etici e le banche etiche. Nate durante il movimento pacifista degli anni ’60 e ’70, queste entità cercano di generare un impatto sociale positivo nel loro complesso. Per questo motivo stabiliscono criteri etico-sociali e ambientali per l’investimento dei loro capitali. Pur non offrendo un elevato ritorno economico, garantiscono un investimento di capitale in attività che promuovono la sostenibilità e lo sviluppo umano. Purtroppo sono ancora poco conosciute a causa delle tematiche ad esse legate. Tuttavia, esistono piattaforme come la European Federation of Ethical and Alternative Banks and Financiers (FEBEA) che promuovono e pubblicizzano questo tipo di entità.

VIDA SANA (vivere sano)

Questa associazione senza scopo di lucro è responsabile dell’organizzazione di BioCultura. L’organizzazione è stata creata nel 1974, anche se si è consolidata solo cinque anni dopo. L’idea è nata da un gruppo di persone preoccupate per l’ambiente e il consumo di cibo. Vida Sana si occupa di numerosi progetti come la formazione e l’insegnamento dell’educazione ambientale, tra gli altri. Ma il suo obiettivo principale è quello di promuovere un consumo responsabile. Per questo motivo, era fisicamente presente alla fiera con uno stand informativo, oltre a organizzare laboratori, attività e presentazioni.

MamaTerra

Ogni anno, l’associazione offre uno spazio per i bambini attraverso il festival ecologico MamaTerra. Durante questi quattro giorni, il progetto propone numerose attività con l’obiettivo di educare i bambini al rispetto dell’ambiente. In questo modo, si insegna loro a creare abitudini di consumo responsabili e a comprendere un’alimentazione sana.

Laboratorio per bambini MamaTerra
Laboratorio per bambini MamaTerra Foto, por BioCultura, Barcelona 2024.

Le attività hanno incluso un workshop su come scoprire la pubblicità ingannevole degli alimenti, organizzato da Justicia Alimentaria. Un’organizzazione non governativa che promuove la difesa della sovranità alimentare e la trasmissione di una coscienza solidale. L’organizzazione porta avanti numerose campagne, tutte attraverso l’attivismo sociale e legate all’alimentazione.

In questo laboratorio rivolto ai bambini, è stata lanciata loro una semplice sfida. Dovevano distinguere gli inganni in sei pubblicità di prodotti alimentari tra vanto e truffa. Le prime contengono informazioni attraenti o regali per enfatizzare i lati positivi del prodotto. Le seconde nascondono informazioni e insinuano cose non vere. Di conseguenza, la lezione doveva dimostrare che entrambi i tipi di pubblicità utilizzano l’inganno e la manipolazione per vendere i loro prodotti. Anche se possono contenere ingredienti non salutari o non fornire un valore nutrizionale adeguato al consumatore.

Comparto Clima (Condivisione del clima)

Un’altra attività dell’associazione per la fiera di quest’anno è stato il workshop partecipativo “Incontro resiliente”, realizzato attraverso il progetto Comparto Clima. Il suo obiettivo principale è identificare e promuovere stili di vita adattati ai cambiamenti climatici in Spagna. Con l’aiuto di Katia Sherer, responsabile della ricerca, il workshop mira a raccogliere i risultati in una guida. In modo che le persone possano adottare più facilmente uno stile di vita più resiliente.

L’attività è iniziata con un giro di “speed dating”, in cui i partecipanti hanno dovuto presentarsi l’un l’altro e discutere alcuni aspetti relativi al workshop. La seconda parte consisteva nel compilare individualmente un modulo sulle abitudini ecologiche che svolgono quotidianamente in vari ambiti. Infine, le risposte individuali sono state condivise per discutere le difficoltà e le soluzioni incontrate nello svolgimento di queste azioni.

Espositore con prodotti cosmetici biologici certificati
Espositore con prodotti cosmetici biologici certificati Foto, por BioCultura, Barcelona 2024.

BioCultura è un punto di riferimento nel settore, poiché la sua essenza è rimasta invariata fin dagli inizi. Grazie alle novità dell’evento, i partecipanti si ostinano a raggiungere un obiettivo più ecologico e sostenibile anno dopo anno. Tuttavia, sia il pubblico che i venditori ritengono che ci sia ancora molto da fare. Le sfide principali sono quelle di dare maggiore visibilità e sensibilizzare coloro che non fanno ancora parte della comunità.

Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.