Chi la fa l’aspetti.

Translation
Matteo Risso

Madre natura è così saggia e gentile. Ci ha sempre dato assolutamente tutto ciò di cui abbiamo bisogno per avere una vita piena. Viviamo in un mondo pieno di tutte le risorse e, come esseri umani, abbiamo anche la capacità e la saggezza di approfittarne nel modo migliore e persino di potenziarle. Ma purtroppo, non tutte le nostre decisioni sono state buone e non tutte le nostre azioni sono state realizzate; nel modo migliore cercando il bene comune, sia per gli esseri umani che per il pianeta in generale. L’inquinamento dell’acqua è una delle grandi conseguenze delle nostre decisioni sbagliate.

Sicuramente avrete sentito molte volte che l’industria della moda è la seconda industria più inquinante dopo il petrolio. Responsabile anche della contaminazione del 20% dell’inquinamento dell’acqua in tutto il mondo. E in realtà non è male sentire di nuovo questa frase. Probabilmente dobbiamo ascoltarla tante volte quante sono necessarie per fare qualcosa. Essere consapevoli della situazione non è più sufficiente, l’azione è ciò che serve.

Sapere è potere?

Sapere è potere solo quando è usato come punto di partenza per un’azione o una serie di azioni per realizzare cambiamenti alla ricerca di un bene comune. È inutile conoscere l’informazione su questa spiacevole situazione; se non la prendiamo come punto di partenza per iniziare a realizzare azioni che possano creare soluzioni tangibili e reali.

Non è mai bene generalizzare, per questo dirò che la maggior parte delle persone che abitano il pianeta Terra compra o ha comprato vestiti almeno una volta nella vita. Come consumatori, riceviamo solo un prodotto finale senza conoscere realmente tutto il processo precedente per la sua creazione. Pertanto, questo ci rende inconsapevoli della triste realtà che accade affinché possiamo godere di una nuova camicia, cappotto, jeans, vestito.

L’acqua è una delle risorse più importanti per la vita umana e gioca anche un ruolo estremamente importante per l’industria della moda. Qual è il rapporto acqua-moda? L’acqua è usata principalmente per lavare e tingere i tessuti e gli indumenti. “L’industria della moda e del tessile è un grande inquinatore di acqua in tutte le fasi della catena del valore, dal deflusso agricolo dai campi di cotone che provoca fioriture algali che soffocano i fiumi, al processo di tintura che rilascia un cocktail di sostanze chimiche tossiche e il lavaggio dei vestiti che rilascia microplastiche”. – Forbes

La classifica dell’inquinamento

Come abbiamo detto prima, l’acqua è una delle risorse più importanti per la vita in generale. Ci sono due tipi di acqua: salata e dolce. In questa occasione possiamo generalizzare dicendo che non c’è essere vivente sulla terra che non abbia bisogno di acqua per vivere. Anche noi siamo fatti al 70% di acqua. Non è incredibile? Ma purtroppo questa risorsa sta diventando più scarsa a causa dell’inquinamento. Secondo le informazioni disponibili in IQAir (2020), in una classifica di 106 paesi, l’India è al terzo posto tra i paesi più inquinati del mondo dopo Pakistan e Bangladesh. Anche se sono passati due anni da questo aggiornamento, potremmo dire che se le cose sono continuate allo stesso modo e non sono state intraprese azioni per ridurre l’inquinamento, i risultati attuali dovrebbero essere sicuramente ancora più preoccupanti.

Se l’industria della moda ha un valore economico di più di 2 miliardi di dollari e, ovviamente, questi numeri sono destinati ad aumentare sempre di più, anche i numeri e i dati concreti relativi all’inquinamento aumenteranno se non si farà nulla per prevenirlo. E credetemi, anche se non sembra, ridurre i dati relativi all’inquinamento è mille volte più importante che far crescere sempre di più un’industria che è già un miliardo di dollari.

Inquinamento dell’acqua in India

Torniamo all’India. Secondo il rapporto “Indian Textile and Apparel Industry 2021” di Waszir Advisors, l’India è uno dei principali produttori di cotone, essendo responsabile della produzione di circa 3/4 della produzione mondiale di cotone. Nel periodo 2019-2020, nello stesso periodo sono stati prodotti un totale di 9.279 milioni di chilogrammi di fibra e 5.713 chilogrammi di filato. Allo stesso modo, l’India è uno dei principali produttori di indumenti. Oswal Gropu condivide con noi che, solo a Tirupur, ci sono circa 1.500 fabbriche di produzione.

D’altra parte, anche Indian Companies.in condivide con noi dati interessanti: “La dimensione dell’industria tessile in India si è attestata a 150 miliardi di dollari USA nel 2017. L’industria tessile in India è una delle più grandi del mondo, con una grande base di materie prime e forza produttiva. Il settore molitorio, con 3400 fabbriche tessili con una capacità installata di più di 50 milioni di fusi e 842.000 rotori, è il secondo più grande del mondo.

L’industria tessile contribuisce al 7% della produzione industriale in termini di valore, al 2% del PIL dell’India e al 15% dei proventi delle esportazioni del paese. L’industria tessile indiana è il secondo più grande esportatore del mondo dopo la Cina.La quota del tessile e dell’abbigliamento nelle esportazioni totali dell’India è del 12,4% nel 2018. L’India ha una quota del 5% del commercio globale di tessile e abbigliamento. La principale destinazione delle esportazioni tessili e dell’abbigliamento per l’India è l’Unione europea e gli Stati Uniti con il 47% del totale delle esportazioni tessili e dell’abbigliamento. Impiega 4,5 crore persone direttamente e altre 6 crore persone nei settori alleati”.

Chi la fa l’aspetti

L’India è uno dei paesi più popolosi del mondo. Ci vivono circa 1.380.004.385 persone. Allo stesso modo, è un paese con una grande superficie terrestre: 3.287 milioni di km². Questo paese asiatico ha anche un numero significativo di fiumi, tra i quali i principali sono il Gange, l’Indo, il Brahmaputra, il Mahandi, il Godovari, il Krisná, il Kaveri, il Narmada e il Tapti. Anche se ha un numero significativo di fiumi, è triste sapere che l’80% dell’acqua di tutto il paese è inquinata. Se torniamo ai numeri, possiamo renderci conto che la realtà della situazione è SERIA. Ognuno dei suoi abitanti sta soffrendo una crisi idrica inimmaginabile, ma non dimentichiamo che questo può riguardare direttamente o indirettamente anche te. Non importa in quale parte del mondo tu stia leggendo questo o quanto lontano tu sia dall’India.

L’inquinamento dell’acqua è un problema che dovrebbe preoccupare tutti noi. Ricordiamoci che prima o poi l’acqua contaminata raggiungerà anche tutte le parti del mondo. Se non è in modo diretto, sarà attraverso il cibo che consumiamo. Il fatto che questa risorsa stia attraversando una crisi di contaminazione così grave non riguarda solo direttamente gli abitanti dell’India, limitando il loro accesso all’acqua potabile per il loro consumo personale.

La crisi dell’inquinamento marino colpisce tutto

Questo problema colpisce anche l’agricoltura, l’allevamento, la pesca e molte altre industrie e settori. Non perché non possiamo vedere quali sostanze ci sono nell’acqua che beviamo o perché non possiamo vedere in carne ed ossa lo stato attuale delle fonti d’acqua dell’India significa che non è reale. Non perché non ci siamo significa che non esiste e, soprattutto, non perché non ci siamo significa che a un certo punto anche noi berremo da quest’acqua tossica. Purtroppo, per molte persone è troppo tardi.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), consumare acqua contaminata può anche avere gravi ripercussioni sulla salute e portare a malattie terribili come: colera, altre diarree, dissenteria, epatite A, febbre tifoide e poliomielite. Ecco un esempio scioccante e triste della realtà che vivono alcune persone: “Neanche una sola famiglia è sana”: un villaggio indiano ammalato di acqua contaminata.

Schiuma tossica galleggia sulla superfice del fiume Yamuna (Sunday Guardian Live)

E quindi?

Capiamo una cosa, la crescita economica e, in questo caso, la crescita dell’industria della moda sono importanti. Sì. Ma non c’è assolutamente nulla di più importante del benessere umano in tutti i sensi. Non si mangia il denaro e non si vive nemmeno di vestiti e scarpe. Il danno che stiamo facendo al pianeta non potrà mai essere compensato nemmeno con tutti i milioni di dollari del mondo. Mai. Allo stesso modo, l’industria della moda non è il cattivo in sé. In realtà, l’industria della moda non è cattiva. Ciò che è sbagliato sono le azioni che si compiono, le decisioni che si prendono, la sovrapproduzione, il consumo sfrenato di persone, le cattive pratiche, l’ignoranza, l’ozio, la disinformazione, ecc. Tuttavia, così come abbiamo fatto un grande danno, abbiamo anche la capacità e gli strumenti per fare un grande bene.

L’essere umano deve essere il guardiano del pianeta Terra e di tutto ciò che lo abita. Siamo ancora in tempo per fare cambiamenti che abbiano un impatto positivo. Alcune delle opzioni che abbiamo sono: comprare vestiti di seconda mano, investire in vestiti e accessori di migliore qualità, comprare vestiti vintage, andare ai bazar o ai mercati, informarsi sulla situazione attuale, sostenere iniziative per l’ambiente. D’altra parte, uno dei modi migliori per fare davvero la nostra parte è semplicemente smettere di comprare così tanto e approfittare di ciò che già abbiamo.

Potrebbe piacerti anche: 5 modi accessibili per un guardaroba più sostenibile

Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.