Avena

5 RACCOMANDAZIONI DI LATTE DI AVENA

In questo articolo avevamo esaminato i benefici e i rischi del latte d’avena per la tua salute e quella del pianeta. È una bevanda vegetale nutritiva, gustosa e rispettosa dell’ambiente. A questo punto, abbiamo cominciato a chiederci come le aziende di latte d’avena stiano affrontando la questione della sostenibilità ambientale. Dopo una ricerca sul tema, abbiamo selezionato qualche progetto tra i più interessanti e originali. Quindi, ecco 5 raccomandazioni di latte d’avena che non ti lasceranno indifferente.

5-oat-milk-recommendations
5 raccomandazioni di latte d’avena

OATLY

Cominciamo con un nome che sicuramente vi sarà familiare, perché è una delle più famose marche di bevande all’avena del mondo. Oatly è nato a Malmö, Svezia, negli anni ’90 dal scienziato alimentare Rickard Öste e da suo fratello Björn Öste.Oatly è uno dei precursori del settore. È riuscito a catturare l’attenzione dei consumatori e ha iniziato a offrire loro alternative al latte di soia e di mandorla. Tuttavia, i suoi fondatori hanno dovuto aspettare un paio di decenni prima di farsi un nome come alternativa vegetale al latte. La sua storia si può leggere in diversi articoli del New York Times, come The Humble Ascent of Oat Milk.

La missione di OATLY 

Sulla base di una ricerca dell’Università di Lund in Svezia, Oatly ha lanciato un progetto per sviluppare un sistema di produzione e distribuzione sostenibile. Sul suo sito ufficiale c’è un’ampia sezione dedicata alle informazioni sulla sostenibilità. Registra i progressi annuali del marchio nella protezione dell’ambiente. L’azienda descrive il suo approccio come segue: “In Oatly, la nostra visione è quella di affrontare l’emergenza climatica a testa alta, guidando una rivoluzione basata sulle piante e puntando verso un sistema alimentare sostenibile. Questo significa consegnare i prodotti Oatly a milioni di persone in tutto il mondo, mentre facciamo miglioramenti a lungo termine che riducono la nostra dipendenza dalle risorse del pianeta”. C’è ancora molta strada da fare, ma chiaramente questa azienda non ha fretta.

oat-milk-recommendations
5 raccomandazioni di latte d’avena

PLANET OAT

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo del latte d’avena e visitiamo un’altra azienda impegnata nella conservazione dell’ambiente. Planet Oat è stata fondata nel 2018 ed è di proprietà dell’azienda casearia statunitense HP Hood LLC con sede a Lynnfield, Massachusetts. Fin dall’inizio, il marchio ha reso chiara la sua posizione sul cambiamento climatico. Infatti, ha lanciato il “Planet Oat Project”, che mira a invertire la tendenza attraverso la sua cooperazione con diverse organizzazioni senza scopo di lucro. I suoi partner includono Oceanic Society, Clean Trails, Sheldrick Wildlife Trust, e One Tree Planted. Il progetto si concentra sulla sostenibilità ambientale a tutti i livelli, dalla conservazione marina alla riforestazione.

La missione di PLANET OAT

L’approccio di questa azienda non è altro che la collaborazione e il rispetto reciproco La produzione di latte d’avena tiene conto del consumo d’acqua, della conservazione del suolo e delle emissioni di gas a effetto serra. Come spiega la presentazione del progetto, l’idea di “Pianeta” non è solo parte del suo nome, ma anche della sua identità. Sostenere il progetto significa contribuire allo sviluppo delle organizzazioni partner e alla conservazione del pianeta. Puoi seguire i progressi del #PlanetOatProject sui social. Un team di specialisti ambientali documenta sistematicamente l’impatto di queste organizzazioni sul pianeta e pubblica contenuti informativi in tutto il mondo.

5-oat-milk-recommendations
5 raccomandazioni di latte d’avena

ELMHURST

Prendemmo l’aereo per New York e atterrammo a Elmhurst, un’azienda casearia fondata nel 1925 e gestita dalla famiglia Schwartz. Nel 2017, è diventata un’azienda di bevande vegetali. Henry Schwartz constatò che i consumatori statunitensi stavano cominciando a spostarsi verso diete più sane e rispettose dell’ambiente, scegliendo alternative vegetali rispetto ai prodotti lattiero-caseari. Lui stesso ha spiegato “produrre del latte vegetale poteva sembrare una svolta radicale dopo di una vita nel settore lattiero-caseario; eppure per me era perfettamente logico, e forse anche necessario”.

Elmhurst ha iniziato questo nuovo capitolo con l’aiuto della dottoressa Cheryl Mitchell, una scienziata alimentare, che è stata la progettista della tecnica di macinazione HydroRelease™. Utilizza esclusivamente acqua per separare i componenti naturali dei cereali, noci o semi e poi li ricompone per creare una bevanda vellutata e morbida. Così, i valori nutrizionali degli ingredienti sono mantenuti e non sono necessarie gomme o emulsionanti per garantire la omogeneità del prodotto.

La missione di ELMHURST

Per Elmhurst, il latte d’avena è un’opzione tra le tante, ma il suo approccio alla gestione ambientale è degno di nota. La tecnica HydroRelease è un processo a zero sprechi, cioè utilizza ogni singola parte degli ingredienti. Sul suo sito ufficiale si può leggere: “Elmhurst si dedica a fare i latti vegetali proprio come dovrebbero essere fatti: con gli ingredienti più semplici e il più alto valore nutrizionale”. Inoltre, l’imballaggio è certificato dal Forest Stewardship Council ed è riciclabile al 100%. Tuttavia, l’impegno di Elmhurst non finisce qui. Anzi, sul blog ufficiale del marchio, si trovano molte informazioni relative alle bevande vegetali, alla protezione dell’ambiente e non solo. Ecco un gradito cambiamento di rotta per un mondo più sano e sostenibile.

5 raccomandazioni di latte d’avena

DREAM PLANT BASED

Andremo poi verso St. Louis, Missouri, per scoprire il mondo di Dream Plant Based, un’azienda con una lunga tradizione e una sete di avventura. Il suo fondatore, Robert Nissebaum, ha aperto Morning Dew Organic Market nei primi anni ’70. Morning Dew è nato dal semplice desiderio di Nissenbaum di condividere i benefici del nuovo stile di vita che aveva scoperto. Nel 1982 decise di espandersi e ribattezzò l’azienda Imagine Foods. Il successo non tardò ad arrivare e l’industria alimentare cominciò a prendere sul serio le idee innovative del signor Nissenbaum. Oggi, DREAM™ fa parte di SunOpta, un’azienda leader specializzata nell’approvvigionamento, lavorazione e produzione di alimenti e bevande biologici, naturali, senza OGM e a base di frutta. Dream Plant Based non solo offre prodotti biologici, nutrienti e deliziosi (compreso il latte d’avena che ci piace tanto), ma è anche particolarmente impegnata nella sostenibilità.

La missione di DREAM

“Rimettere alla terra” è il concetto chiave dell’approccio Dream Plant Based Come spiegato sul sito ufficiale, nella sezione dedicata alla sostenibilità ambientale, la “cura” è l’ingrediente esenziale di tutti i prodotti DREAM™. Impegnata a ridurre il suo impatto ambientale, dalla coltivazione al confezionamento, DREAM™ è consapevole della necessità di preservare la natura e di restituire, almeno in parte, ciò che ci ha dato senza esitazioni. Nel mondo di Dream Plant Based, “il cibo non è solo una questione di nutrizione. È una forma di celebrazione”.. Questa azienda è un chiaro esempio di come il rispetto e la consapevolezza possano farsi strada in un mondo pieno di cinismo che mira proprio a massimizzare il profitto. 

5-oat-milk-recommendations
5 raccomandazioni di latte d’avena

WILLA’S KITCHEN

Infine, ma non meno importante, vorremmo presentarvi Willa’s Kitchen. Le fondatrici Christina ed Elena Dorr Drake sono state ispirate da una ricetta di nonna Willa per lanciare il loro marchio. La grande creatività e lo spirito aperto di Willa hanno portato le sue nipoti a renderle omaggio lanciando un latte d’avena che sa di casa, naturalmente dolce e minimamente elaborato. A causa della pandemia, l’azienda ha dovuto cambiare radicalmente la sua strategia di mercato. Le sorelle Dorr Drake hanno rinunciato agli fiere alimentari e hanno deciso di commercializzare i loro prodotti online e aumentare la loro visibilità sui social media. All’epoca, Christina Dorr Drake si batteva contro il cancro. In un’intervista con il podcast di Brands in Action, la direttrice e co-fondatrice ha ammesso che la diagnosi le ha causato un’enorme preoccupazione per il futuro dell’azienda. Tuttavia, il suo stato di salute l’ha costretta a preoccuparsi maggiormente della sua dieta. 

La missione di WILLA

Willa’s cerca di essere il più trasparente possibile sia nel processo di macinazione che nella scelta degli ingredienti. I loro prodotti contengono ingredienti organici e sono rispettosi dell’ambiente. È per questo che loro si ritengono una sfida per l’intero settore. Infatti, usano un design sobrio e semplice, in modo che le cose più importanti sulla confezione parlino da sole. Hanno scelto di evocare la semplicità perché questo è ciò che il marchio è tutto. Ecco come Christina ed Elena descrivono il loro latte d’avena: “biologico, senza OGM e prodotto in modo sostenibile, utilizza avena integrale e vera vaniglia biologica. […] in modo che tu possa sentirti bene a berlo e a metterlo in tavola ogni mattina”. Oggi, Willa’s Kitchen è un’azienda dedicata esclusivamente ai prodotti a base di avena. Comunque, le fondatrici rimangono in grado di aprire il mercato ad altre categorie, naturalmente, a condizione che siano di origine vegetale.

Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.